E’ andata, o quasi.

La scena finale del TdS2017 sembra ispirarsi ai Vitelloni di Fellini con la tempesta che chiude la festa dell’estate. I ruoli dei più rappresentativi attori di allora per certi versi, anche dopo oltre 60 anni, sembrano cuciti addosso ai membri del comitato. Vedete voi a chi sembrano più vicini.
Ora come allora non è cambiato molto, chi beve, chi suona, chi balla, chi parla e basta,  chi scappa… Ci siamo tutti, e del resto si sa che la storia, anche banale, come l’elezione di una Miss di provincia o il torneo del campetto, immancabilmente si ripete.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Anche da noi la tempesta si è abbattuta facendo svolazzare avvisi, seggiole e locandine decretando la fine di un’edizione tanto intensa quanto controversa e soprattutto indicandoci la strada del tornatevene a casa, per quest’anno è finita.

Tra la sagra di Malamocco e i Sestieri, meglio  i Sestieri dove non si paga mai e se sta anca sentai, guardando i giovanotti correre su e giù per il campo. Ancora una volta abbiamo riempito la grande tribuna ma ci siamo scontrati con la “passività” di un pubblico, numeroso ma poco incline a partecipare attivamente e collaborare. In pochissimi hanno letto il Dai&Vai; molte sono state le copie intonse recuperate delle poche stampante. Lo sapevamo già ma ci abbiamo riprovato in quanto amanti di cocenti delusioni. Pochissimi poi hanno compilato il questionario. Solo 25 temerari, impietositi dai nostri sforzi. Rapportati alle oltre 1000 presenze registrate sabato, rappresentano una percentuale pressoché irrilevante. Anche per il concorso fotografico dedicato a Leonardo Costa, nonostante i bei premi distribuiti in questi anni e la sua natura social, è stata riscontrata una scarsa partecipazione. Il che è paradossale se consideriamo il mondo in cui viviamo,  sempre più social, e che 997 persone delle 1000 presenti al Pattinodromo possiede uno smartphone pronto per scattare una foto (tutti tranne Jacopo Epis, Simone Rauch e Andrea Burcovich). Altrettanto incomprensibile se pensiamo che gli iscritti al gruppo facebook del TorneodeiSestieri sono più di mille 1100. Probabilmente chi ci segue vuole solo vedere delle partite di pallacanestro senza tanti orpelli, così come accadeva alle prime edizioni del campetto, appoggiati ad un albero. Se financo il punto di riferimento della pallacanestro minore veneziana, probabilmente il più attivo e seguito utente FB del territorio veneziano, tra i suoi immancabili post quotidiani, non ha avuto un pensiero per i “suoi ragazzi neroverdi” e la sua più grande passione insieme al Milan, è sicuro che abbiamo iniziato a stancare.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Tutta questa premessa per dirvi che sono state aggiornate le sezioni ALBO D’ORO (chi avesse una foto della premiazione di Orso è pregato di inviarcela) e la sezione DAL CAMPO 2017 dove troverete Lato Forte e l’unico Dai&Vai del 2017 con il Xe Finia e il bel racconto de il Poltronauta.

sr

Continua a leggere

Annunci

LA FINALE

tds_2017_finaliste-e1499596432614.jpg

TdS 2017: LIDO_vs_DD

DORSODURO – LIDO 58 – 61

DORSODURO: Panaccione 11, Crivellari 12, Valentini, Guerzoni, Salmaso, Conz 4, Zanetti, Vianello 15, Carrettin 4, Indri, Zavagno 6, Vavasori 6.

All: M. Guerrasio/J. Epis

LIDO: Masutti 2, Rosada S. 6, Cosma 10, Rosada M., Seno, Ragazzi A. 2, Murazzi 2, Pellegrinotti, Stefani, Capitanio, Saoner 16, Ragazzi G. 23.

All: M. Seno/M. Giulietti

Arbitri: De Rico, Vianello, Isigonis

Ancora Lido. Per il terzo anno consecutivo la finale fra Dorsoduro e i ragazzi in blu si conclude con la vittoria di questi ultimi. A differenza delle scorse edizioni però, ieri la battaglia è stata equilibratissima e tutti si è deciso in pratica sull’ultimo possesso, con i canarini che per 2 volte hanno avuto il possesso per poter passare in vantaggio a pochi secondi dal termine. MVP della Finale Giovanni Ragazzi, decisivo con le sue 3 triple consecutive nel terzo quarto.

RIVEDI L’AZIONE DECISIVA:

TdS_2017 FINALISSIMA ore 21.00

Questo slideshow richiede JavaScript.

LIDO

0-Masutti, 1-Rosada S., 2-Cosma, 3-Rosada M., 4-Seno, 5-Ragazzi A., 6-Murazzi, 7-Pellegrinotti, 8-Stefani, 9-Capitanio, 10-Saoner, 11-Ragazzi G. All. Seno M., v. all. Giulietti M., acc.re Costantini C., caposestier Saoner R.

DORSODURO

0-Panaccione, 1-Crivellari, 2-Valentini, 3-Guerzoni., 4-Salmaso, 5-Conz, 6-Zanetti, 7-Vianello, 8-Carretin, 9-Indri, 10-Vavassori, 11-Zavagno. All. Guerrasio M., v. all. Epis J., acc.re Zorzi A., caposestier Stivanello Gussoni N.

Arbitri: De Rico Mattia, Vianello Matteo, Isigonis Panagiotis

LE SEMIFINALI

OLYMPUS DIGITAL CAMERALIDO – S. CROCE/S.POLO 67 – 58

LIDO: Masutti 2, Rosada S. 7, Cosma 1, Rosada M. 9, Seno 2, Ragazzi A. 3, Murazzi, Pellegrinotti, Stefani 5, Capitanio Saoner 23, Ragazzi G 15.

All: M. Seno/M. Giulietti

S. CROCE/S. POLO: Burigana 5, Costa, Michieli, Barbato, Fregija 13, Lenti Ceo 20, De Rossi 7, Muner 2, Musco 6, Stevanato 1, Sartor 4.

All: S. Grassetti/G. Costa

Arbitri: Vianello, Isigonis

DORSODURO – S. MARCO/MURANO 61 – 31

DORSODURO: Panaccione 15, Valentini 2, Guerzoni 5, Salmaso 3, Conz, Zanetti 3, Vianello 3, Carrettin 12, Indri 2, Vavasori 12, Zavagno 4.

All: M. Guerrasio/J. Epis

S. MARCO/MURANO: Rossetto 0, Pavanello 4, Capitanio, Bottaro 2, Pinzan 7, Tosi 11, Todesco, Poletto, Passarella 1, Pasin 4, Seno2.

All: L. Torcellan, V. All: M. Fabrizi

Arbitri: De Rico, Peguri

E alla fine sempre qui siamo arrivati. Alla terza finale consecutiva con le stesse protagoniste. Dopo l’impresa di giovedì contro Castello, l’Impero del Male, priva, va detto, di un uomo fondamentale come Fontanella, non è riuscita a ritrovare le stesse energie fisiche e soprattutto mentali, venendo battuta facilmente dai canarini di coach Guarrasio.

Ben più combattuta la 2° semifinale, in cui S. Croce/S. Polo ha dato molto filo da torcere ai campioni in carica. Due sono stati gli strappi ricuciti dai ragazzi di Grassetti. Purtroppo per loro il terzo, arrivato a inizio del quarto periodo, è stato quello decisivo.

Ora si spengano le luci per l’ultimo atto. Sarà il solito monologo azzurro o una novità soleggiata?

IL PROGRAMMA DI OGGI

 

OLYMPUS DIGITAL CAMERAh. 20.00  1° SEMIFINALE

Dorsoduro – San Marco/Murano

h. 21.30 2° SEMIFINALE

Lido – S. Croce/S. Polo

 

GARA 3PT – TABELLONE DEI 32

Questo il tabellone dei migliori 32 che si sfideranno 1c1 a partire da questa sera!!

Lato SX – H 20.40 Intervallo 1° Semifinale

Lato DX – H 22.10 Intervallo 2° Semifinale

 

Tabella

GLI SPAREGGI

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

S. CROCE/S. POLO – CANNAREGIO 63 – 56

S.CROCE/S. POLO: Burigana 3, Costa 2, Michieli, Barbato 2, Freguja 19, Lenti Ceo 12, De Rossi 13, Muner, Musco 2, Stevanato, Sartor 10, Stefani.

All: S. Grassetti, V. All: G. Costa

CANNAREGIO: Mungai 1, Frison G. 9, Battistin 6, Mazzarolo 13, Frison F., Pilla 4, Perdon 4, Costantini 6, Ramazzotto, Scarpa 11, Albano, Zorat 2.

All: C. Andreutto, V. All: L. Skansi

Arbitri: Secchieri, Pellegrinon

CASTELLO – S. MARCO/MURANO 41 – 49

CASTELLO: Perricone, Cattelan 1, Donadon 14, Contin, Dei Rossi, Pacchiani, Leyba Marine 12, Venturini, Seggi 5, Vianello G. 2, Vianello N. 2,

S. MARCO/MURANO: Rossetto, Pavanello, Capitanio, Bottaro, Pinzan 11, Tosi 9, Todesco, Poletto, Passarella 3, Pasin 15, Fontanella 2, Seno 9.

All: L. Torcellan, V. All: M . Fabrizi

All: R. Dei Rossi/S. Calzolari

Arbitri: Secchieri, Trevisan

Ai Sestieri capita anche che valga la pena esserci anche quando sembrava superfluo esserci. Magari qualcuno di voi ieri avrà pensato “vabbeh…oggi no vado…Fasso semifinal e final, tanto zè spareggi scontai…”. Amici, vi do una notizia: che vi siete persi! Due partite entusiasmanti, ognuna a suo modo. S. Croce/S. Polo – Cannaregio è apparso il miglior match giocato quest’anno, con un quarto quarto di livello altissimo in cui anche dei giovanissimi hanno trovato spazio da protagonisti. Castello – S. Marco/Murano, per i palati fini, decisamente meno piacevole, ma la tensione nell’attendere una rimonta arsenalotta che poi non c’è mai stata ha tenuto tutti incollati alle sedie fino a notte tarda. Oggi a chi dovesse pensare che non valga la pena esserci perché tanto si sa già chi vince, consigliamo di rivedere le proprio convinzioni.

LE PARTITE DI IERI

CANNAREGIO – LIDO 66 – 68

CANNAREGIO: Mungai 2, Frison G. 9, Battistin 6, Mazzarolo 7, Frison F. 2, Pilla, Pedron, Costantini 10, Ramazzotto 2, Scarpa 12, Albano 2, Zorat 13.

All: C. Andreutto

LIDO: Masutti 0, Rosada S. 6, Cosma 7, Rosada M. 26, Seno 4, Ragazzi A., Murazzi, Pellegrinotti, Stefani 2, Capitanio, Saoner 3, Ragazzi G. 20.

All: M. Seno

Arbitri: Colizzi, Pellegrinotti

SAN MARCO/MURANO – DORSODURO 45 – 63

SAN MARCO/MURANO: Seno 6, Pinzan 13, Pasin 3, Fontanella 15, Rossetto 1, Passarella 2, Todesco, Tosi 4, Bottaro 1, Capitanio, Pavanello.

All: L. Torcellan, V. All: M. Fabrizi

DORSODURO: Vavassori 9, Zavagno 7, Panaccione 13, Vianello 19, Conz 2, Carrettin 9, Valentini, Indri, Zanetti 2, Guerzoni 2, Salmaso.

All: M. Guerrasio/J. Epis

Arbitri: Isigonis, Peguri

I giochi sono fatti. Forse come molti avevano pronosticato, le due finaliste 2016 si confermano e vincono i loro rispettivi gironi approdando direttamente alle semifinali risparmiandosi i turni di spareggio. Dorsoduro, pur non convincendo a pieno, regola facilmente San Marco/Murano. Non basterà per continuare a sognare, ma è sufficiente per arrivare a venerdì. Diversa invece la vittoria del Lido. I verdi di coach Andreutto son sembrati essere ben altra squadra rispetto a quella di lunedì e hanno dimostrato di poter giocare alla pari con i campionissimi di Saoner. L’amaro in bocca per la sconfitta sfumata nel finale sparirà quando capiranno che il potenziale è enorme e le possibilità altissime. Ora fine dei giochetti. Da giovedì si fa sul serio: chi perde non avrà appello.